progettazione impianti industriali depurazione dell'aria

Adempimenti normativi in materia di emissioni

...autorizzazioni, accertamenti, analisi delle emissioni.
Sappiamo indicarvi la strada...

COSTRUZIONI AEROMECCANICHE GRITTI realizza i suoi impianti nel rispetto scrupoloso della normativa in materia di emissioni in atmosfera.
Consapevoli della complessità della materia, abbiamo intrapreso partnership con aziende di consulenza ambientale attive nel supporto agli adempimenti legislativi (assistenza normativa per il rilascio delle autorizzazioni ed accertamento dell’idoneità tecnica), nella verifica formale degli aggiornamenti in materia ambientale, nell’analisi delle emissioni e nella sicurezza ed igiene del lavoro (monitoraggio microclimatico e della qualità dell’aria).

In particolare, siamo in grado di indirizzare i nostri clienti verso laboratori di analisi ambientali accreditati e verso consulenti esperti negli iter di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell’art. 269 del D.Lgs. 152/06 allo scopo di:

  • predisporre la documentazione tecnico-amministrativa per richiesta di autorizzazione, da inoltrare alla Regione o alla Provincia competente (domande per impianti: nuovi - già esistenti - trasferimento degli stessi - procedure semplificate, ecc...)
  • effettuare prelievi dei campioni nei punti di emissione
  • eseguire analisi certificate di laboratorio delle emissioni in atmosfera

Nel seguito riportiamo la legislazione nazionale significativa in materia di emissioni.

LEGISLAZIONE NAZIONALE E REGIONALE DI RIFERIMENTO

In materia di emissioni in atmosfera, la legislazione nazionale di riferimento è la Parte V del D.Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni ( chiamato anche Codice Ambientale o Testo Unico Ambientale ); nel particolare, si evidenziano i seguenti articoli:

  • art. 269: autorizzazioni alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti;
  • art. 270: individuazione degli impianti e convogliamento delle emissioni;
  • art. 271: valori limite di emissione e prescrizioni per impianti ed attività;
  • impianti ed attività in deroga.

In relazione all'ultimo punto, trattasi delle attività che prima erano note come:

  • "attività ad inquinamento poco significativo", che non hanno l'obbligo di essere autorizzate;
  • "attività a ridotto inquinamento atmosferico" per le quali, sia prima che oggi, è prevista un'autorizzazione ottenibile attraverso un meccanismo più semplice della Conferenza dei servizi (presentazione di adesione a particolare protocollo tecnico regionale e autorizzazione ad attiviare l'emissione - decorsi 90gg - senza richiesta di ulteriori chiarimenti da parte della Provincia)

Proprio seguendo le disposizioni impartite a livello nazionale, la regione Lombardia ha disciplinato tutte le attività in deroga soggetta ad autorizzazione semplificata (delineando tutti i protocolli tecnici da usare e la modulistica) con i seguenti provvedimenti:

  • Decreto Dirigente Struttura n° 532 del 26/01/2009;
  • Decreto Dirigente Struttura n° 8213 del 06/08/2009 (modifiche per elettroerosione).


NORMATIVA NAZIONALE

27/01/2012
D.P.R. n. 43 del 27 gennaio 2012
Regolamento recante attuazione del regolamento CE n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra

23/08/2011
Nuove Schede tecniche depolveratori a secco a mezzo filtrante

29/06/2010
D. Lgs. n. 128 del 29 giugno 2010
Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a norma dell'articolo 12 della legge 18 giugno 2009 n. 69

03/04/2006
D. Lgs. N. 152 del 03 aprile 2006 Norme in materia ambientale

27/03/2006
D. Lgs. n. 161 del 27 marzo 2006
Attuazione della direttiva 2004/42/CE, per la limitazione delle emissioni di composti organici volatili conseguenti all'uso di solventi in talune pitture e vernici, nonchè in prodotti per la carrozzeria

16/01/2004
Decreto 16 gennaio 2004, n. 44
Recepimento della direttiva 1999/13/CE relativa alla limitazione delle emissioni di composti organici volatili di talune attività industriali, ai sensi dell'art. 3, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 203

12/06/2003
D.Lgs. 233/2003
Attuazione della direttiva 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori esposti al rischio di atmosfere esplosive

01/10/2002
D.Lgs. 261/2002
Ministero dell´Ambiente e della Tutela del Territorio.Regolamento recante le direttive tecniche per la valutazione preliminare della qualita´ dell´aria ambiente, i criteri per l´elaborazione del piano e dei programmi di cui agli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 351. (GU n. 272 del 20-11-2002)

08/03/2002
D.P.C.M. 8 marzo 2002
Disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell'inquinamento atmosferico, nonchè delle caratteristiche tecnologiche degli impianti di combustione (agg. al 8.10.2004)

D. M. 23 NOVEMBRE 2001
Dati, formato e modalità della comunicazione di cui all’art. 10, comma 1, del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 372.
(in GU SO 13 febbraio 2002, n. 37)

D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, N. 416
Regolamento recante norme per l´applicazione della tassa sulle emissioni di anidride solforosa e di ossidi di azoto, ai sensi dell´articolo 17, comma 29, della legge n. 449 del 1997.
(in GU 28 novembre 2001, n. 277)

D. M. 25 AGOSTO 2000
Aggiornamento dei metodi di campionamento, analisi e valutazione degli inquinanti, ai sensi del D.P.R. 24 maggio 1988, n. 203 (1).
(In GU 23 settembre 2000, n. 223, S.O.)

D. M. 4 OTTOBRE 1999
Proroga dei termini di adeguamento dei valori limite di emissione delle polveri relativamente ad imprese di produzione del vetro
(GU n. 264 del 10-11-1999)

D.LGS. 4 AGOSTO 1999, N. 351
Attuazione della direttiva 96/62/CE in materia di valutazione e di gestione della qualità dell´aria ambiente
(In GU. 13 ottobre 1999, n. 241)

D.LGS. 4 AGOSTO 1999, N. 372
Attuazione della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell´inquinamento (1).
(In GU 26 ottobre 1999, n. 252)

D.M. 19 NOVEMBRE 1997 N. 503
Regolamento recante norme per l´attuazione delle direttive 89/369/CEE e 89/429/CEE concernenti la prevenzione dell´inquinamento atmosferico provocato dagli impianti di incenerimento dei rifiuti urbani e la disciplina delle emissioni e delle condizioni di combustione degli impianti di incenerimento di rifiuti urbani, di rifiuti speciali non pericolosi, nonché di taluni rifiuti sanitari.
(in G.U. 29 gennaio 1998, n. 23)

D. M. 21 DICEMBRE 1995
Disciplina dei metodi di controllo delle emissioni in atmosfera dagli impianti industriali
(In GU 8 gennaio 1996, n. 5)

D.P.C.M. 2 OTTOBRE 1995
Disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell´inquinamento atmosferico nonché delle caratteristiche tecnologiche degli impianti di combustione
(In GU 25 novembre 1995, n. 276)

25/07/1991
D.P.R. del 25 luglio 1991
Modifiche dell'atto di indirizzo e coordinamento in materia di emissioni poco significative e di attività a ridotto inquinamento atmosferico, emanato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 21 luglio 1989 (aggiornato al 20.09.03)

12/07/1990
Decreto Ministeriale del 12 luglio 1990
Linee guida per il contenimento delle emissioni degli impianti industriali e la fissazione dei valori minimi di emissione (aggiornato al 20.09.03)

21/07/1989
DPCM del 21 luglio 1989
Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni, ai sensi dell'art. 9 della legge 8 luglio 1989, n. 349, per l'attuazione e l'interpretazione del decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 203, recante norme in materia di qualità dell'aria relativamente a specifici agenti inquinanti e di inquinamento prodotto da impianti industriali (aggiornato al 20.09.03)

D.M. 8 MAGGIO 1989
1989Limitazione delle emissioni nell´atmosfera di taluni inquinanti originati dai grandi impianti di combustione
(In GU 30 maggio 1989, n. 124)

24/05/1988
DPR n. 203 del 24 maggio 1988
Attuazione delle direttive CEE numeri 80/779, 82/884, 84/360 e 85/203 concernenti norme in materia di qualità dell'aria, relativamente a specifici agenti inquinanati, e di inquinamento prodotto dagli impianti industriali, ai sensi dell'art. 15 della legge 16 aprile 1987, n. 183 (aggiornato al 20.09.03)

+ novità

notizie